COSA RACCONTA IL TUO VISO?

"Come imparare a leggere i segnali sul volto per capire il tuo stato di Benessere"



“Nel momento dell’incontro il viso di chi abbiamo davanti si trasforma presto in messaggi, emozioni, qualità, pregi e difetti.
Sa parlare in silenzio quando la voce preferisce abbandonarsi alla riservatezza.
Il viso di un uomo è la sua carta di identità, il primo affaccio sul mondo.
Con il tempo, ogni smorfia di un volto che al primo incontro è solo fronte, occhi, naso, guance, bocca e mento, e tutto quello che sa suscitare, si fa persona e identità.
Ci racconta i suoi umori e i suoi tremori.
L’uomo, insieme alla propria storia, è anche la sua faccia.”
Gli amori infelici non finiscono mai, Isabella Borghese

Nel precedente articolo “Il Benessere come equilibrio interiore ed esteriore” abbiamo capito come ciò che provi internamente si ripercuota sul tuo aspetto esteriore e viceversa.
E cosa se non il tuo viso, può rappresentare al meglio questo concetto?
Il viso rimane sicuramente la parte più esposta al mondo esterno e la prima che traspare di noi. Sul nostro volto è impressa la nostra storia, il nostro vissuto, il nostro modo di vedere e di agire nella realtà che ci circonda.
Saper decifrare i messaggi che ci comunica può sicuramente aiutarci a comprendere qualche cosa in più di chi siamo e del nostro stato di salute psico-fisico.

Voglio, attraverso questo articolo, donarti alcune chiavi di lettura per aumentare la consapevolezza sul TUO stato di BENESSERE.
Seguimi in questi piccoli esercizi...

Scatta una foto frontale del tuo viso e inizialmente dividi le tre aree con tre linee orizzontali:


Queste ripartizioni simboleggiano i tre livelli del volto.
La prima area è l’area primaria, sede del pensiero, della riflessione, dell’intelligenza. E’ associata al sistema nervoso.
La seconda area mediale è sede dell’ emotività.
La terza area inferiore è sede della volontà, dell’azione, dell’istinto.
Se una parte risulta predominante rispetto alle altre due, sarà quella che è divenuta il motore delle tue azioni e probabilmente anche la zona maggiormente influenzabile.
Facciamo un esempio: se una persona ha la parte frontale molto estesa rispetto alle altre due, significherà che molto probabilmente il suo modo di leggere e di vivere la realtà sarà quello del pensiero razionale e logico: sarà una persona che usa come si suol dire “troppo la testa”.

Ora prova a dividere il viso in due metà con una linea verticale che separa la parte sinistra da quella destra:


Come potrai notare dal tuo viso, le due regioni non sono completamente identiche, troverai sicuramente delle asimmetrie, delle differenze: più sono evidenti ed importanti più quella zona ci sta raccontando qualche cosa di noi.
Il lato destro è la parte maschile, quella che vogliamo far vedere al mondo.
Rappresenta il nostro lato razionale.
Il lato sinistro è la parte femminile, rappresenta il lato inconscio.
E’ il lato sensibile, dolce, più intimo: ci comunica quello che siamo realmente.
Se le asimmetrie o la presenza di particolari segni sul viso (rughe, macchie,..) sono maggiori in un emisfero, è molto probabile che quel lato è diventato la guida nelle tue scelte di vita o rappresenta il tuo lato più debole e compromesso.

Già con questi due esercizi sono sicura che avrai confermato o scoperto parti di te.
Ma non è finita qui, il nostro viso può comunicare tanto altro...

In virtù della relazione tra "DENTRO E FUORI", tra benessere interiore ed esteriore, la reflessologia del viso sicuramente può insegnarci molto.
La Reflessologia fa riferimento alla medicina tradizionale cinese e all’agopuntura, secondo le quali a specifici punti del viso, corrispondono altrettante specifiche aree e organi del corpo.
Rossori, imperfezioni, macchie, gonfiori, rughe che emergono sul tessuto, in quel determinato punto, simboleggiano che l’organo in riferimento a quel punto non è in equilibrio nello svolgere le sue fisiologiche funzioni o non lo è a livello emozionale.
Questa mappa fa capire le corrispondenze tra organi e regioni sul viso:



“La gioia nell’osservare e nel comprendere è il dono più bello della natura.” Albert Einstein

Ora prova a guardare attentamente il tuo volto e a delineare le aree maggiormente compromesse in termini di alterazioni e presenza di inestetismi.
Quando lo hai fatto prova a pensare a “come funziona” quell’organo e all’emozione collegata:

ORGANO                                     EMOZIONE

Fegato-Cistifellea Rabbia-Ira
Cuore-Intestino Tenue Gioia
Reni-Vescica Paura
Stomaco Ansia-Preoccupazione
Polmoni-Intestino Crasso              Tristezza
Pancreas Riflessione

Ti faccio un esempio: lo stomaco ha come funzione principale la digestione. Può entrare in disequilibrio quando la digestione di alimenti non avviene correttamente, o quando non vengono “digerite” a livello emotivo delle situazioni o circostanze che creano costante stato di ansia e preoccupazione.
Si possono quindi con il tempo palesare gonfiori, edemi, alterazioni di colorito in quella regione precisa.
L’inestetismo sul volto diventa cronico, e quindi più marcato, nel momento in cui non si risolve per tempi prolungati la problematica di quell’organo che entra in disequilibrio funzionale o emozionale.

Prova a creare una corrispondenza tra inestetismo che vedi- funzione di quell’organo- emozioni collegate.

Comprendere che quell’inestetismo, quella caratteristica sul viso è lì per un motivo, sia esso fisiologico, emotivo o entrambi, permette a te stesso di dare più attenzione ad ogni segnale che il tuo corpo ti vuole comunicare.
Capire che ciò che siamo dentro rispecchia ciò che siamo fuori e viceversa, aiuterà te stesso a capire come riportare equilibrio e lavorare non solo sul corpo ma anche sulle emozioni.
Infine, aiuterà noi, in fase di consulenza ad analizzare quell’inestetismo per cui ti rivolgi, in una chiave sempre più globale e profonda: come correlazione tra esteriorità ed interiorità, tra ciò che sei e ciò che mostri.
In fase di trattamento lavoreremo sì sul miglioramento a livello estetico di quella problematica, ma altresì, grazie alla reflessologia lavoraremo in maniera indiretta e interiore sul riequilibrio di quell’organo attraverso il massaggio e la stimolazione di determinati punti.

Trasforma tutto ciò che ti ho scritto come uno strumento per ASCOLTARTI e CONOSCERTI.
Un abbraccio
Giulia

Instagram Emozioni